Il Comune Turismo & Eventi
Approfondimenti
Portale Fondazione Turistica Misano Adriatico

Informazioni, luoghi, eventi per la vacanza a Misano Adriatico 

Biblioteca e Cultura

Vai al portale della “Cultura a Misano Adriatico” con tutti i servizi e le iniziative organizzate dalla nostra biblioteca comunale

Progetto partecipativo “MISANO IN COMUNE”

Progetto partecipativo “MISANO IN COMUNE”

SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive: vai al portale con tutte le informazioni per le aziende e le imprese

Sistema Informativo Territoriale
Calcolo IMU e stampa F24

Clicca sull'immagine e collegati alla pagina per calcolare la tua IMU

Imposta Di Soggiorno
Insieme a pesca di emozioni

E' un progetto a favore di giovani finalizzato all'inclusione sociale.

Leggi tutto cliccando sull'immagine

La storia e il territorio

MISANO IERI E OGGI

Circondato da verdi colline che gli fanno da corona, Misano Adriatico si sviluppa su una superficie di 22,43 Kmq tra la linea di costa Adriatica a nord-est, il corso del fiume Conca a sud-est che la separa da Cattolica e San Giovanni in Marignano, il territorio di San Clemente e Coriano a Sud- ovest e Riccione a nord-ovest. L' altezza massima sul livello del mare è quella dei 145 metri di Monte Gallero. La fascia costiera, compresa tra il fiume Conca ed il Rio Alberello, è ampia 3 km

Reperti archeologici di varie epoche, conservati al “Museo del territorio” di Riccione, dimostrano che l'area di Misano era abitata sin dal Paleolitico, soprattutto nei pressi del torrente Conca e del Rio Agina, dove la facilità di approvvigionamento idrico favoriva gli insediamenti primitivi. Più recentemente, ritrovamenti risalenti al IV secolo AC attestano la presenza di un insediamento dei Galli Senoni nell'attuale località Belvedere. Con la costruzione della via Flaminia nel 220 AC ebbe inizio la colonizzazione romana e la denominazione di Misano sembra proprio derivare da una delle numerose famiglie trasferitesi dal Lazio nel contado riminese (ager ariminensis). Si tratterebbe della“Gens Mesia” che forse per meriti militari, riuscì ad ottenere vaste terre nella nostra zona, il fundus Messius da cui deriva il toponimo Missiano. Era infatti nella tradizione militare di Roma premiare in questo modo i veterani di guerra o chiunque altro avesse reso notevoli servizi alla patria e segni della centuriazione romana sono ancora evidenti lungo la Via del Carro che congiunge la via Flaminia (oggi statale Adriatica) con l'entroterra.

Le vicende storiche di Misano, che oggi si identifica con Misano Monte, in collina, si intrecciano con quelle di Rimini che già dal 90 a.C. era diventata Colonia di diritto latino.

Il nostro territorio assunse una certa importanza allorché vi fu costruita nel 997 la Pieve di Sant’Erasmo, una delle più importanti della zona.

Per oltre due secoli, precisamente dal 1295 alla fine del XV secolo Misano fu sotto il dominio dei Malatesta, signori di Rimini, che vi fecero erigere un castello, di cui oggi resta la torre con l’arco d’accesso che è il simbolo del gonfalone comunale.

Estintasi la dinastia malatestiana la Romagna e quindi anche Misano entrò a far parte dello Stato Pontificio, la cui giurisdizione durò fino all’unità d’Italia. In tale periodo fatto memorabile fu la la nomina del Capitano del Castello, avvenuta nel 1511; risulta infatti da un decisione del Consiglio Comunale di Rimini che cinquecento anni fa “gli homini di Misano, Scazano e de la Corte de Lagina” chiesero ed ottennero dai Consoli di quel Consiglio di essere separati dall'Ufficio di San Clemente, a cui erano sottoposti, e di avere un Capitano loro proprio. In seguito Misano perdette, per brevi periodi e per ragioni finanziarie l’indipendenza amministrativa che riacquistò definitivamente nel 1827 , distaccandosi da San Giovanni in Marignano e divenendo Comune autonomo . Subito dopo l'unità d'Italia assunse la denominazione di “Misano in Villa Vittoria” appellativo che perdette nel 1938 con provvedimento del presidente del Consiglio Mussolini, per assumere quello di “Misano Adriatico”. “Misano è e rimarrà comune autonomo, purché resti comune agricolo”: con questa dichiarazione Mussolini, ne decretava l'autonomia e la vocazione rurale. Mai profezia fu più fallace perché proprio da questo momento la storia di Misano si intreccia con quella del suo sviluppo turistico che, dopo tiepidi albori negli anni trenta, andrà realizzandosi pienamente dopo il trasferimento delle sede comunale (1949) dall’odierna Misano Monte alla zona rivierasca. Oggi Misano figura tra le mete preferite del turismo internazionale, stazione balneare ideale per la vacanza familiare, meta di numerosi sportivi attratti dalle manifestazioni organizzate dal Comune e dal MisanoWorld Circuit, con le emozionanti velocità da brivido delle competizioni motoristiche Con la marina di Portoverde, Misano si distingue anche nel campo del turismo nautico di elite

Aree pedonali colorate da mercatini serali, una spiaggia dorata e tranquilla, una promenade di 2 Km sul lungomare, isole di verde in pieno centro completano l'immagine di questa cittadina.

Grazie alle strutture organizzative ed alla qualità dell’acqua di balneazione la spiaggia di Misano e Portoverde sono stati insigniti più volte, a partire dal 1989, della bandiera blu della Fondazione Europea per l'educazione ambientale (FEE). Tale riconoscimento corona anni di impegno nella tutela dell'ambiente

 

CRONOLOGIA ESSENZIALE DI MISANO ADRIATICO

 

997 – L'antica Pieve dei SS Biagio ed Erasmo viene eretta in un luogo denominato “Monte della Pieve”, attuale Misano Monte.

 

998 – La Chiesa di Santa Maria di Scazano, viene eretta nelle vicinanze di un complesso fortificato, dotato di una cinta muraria e di una torre, chiamata “Torre Rossa”,oggi Scacciano o Villa Alta.

 

1295 – Il territorio misanese passa sotto la denominazione dei Malatesta.

 

1468 – Roberto Malatesta, figlio del grande Sigismondo, fortifica con mura e torri il castello di Misano.

 

1511 – Misano si rende autonomo da S. Clemente con l'istituzione del Capitano del Castello su richiesta

degli “homini di Misano, Scazano e de la Corte de Lagina”.

 

1583 – Sbarcati da un'imbarcazione alla foce del Conca pirati saraceni fanno prigionieri e compiono razzie

 

1786 – La notte di Natale un eccezionale terremoto si abbatte nella zona causando ingenti danni, demolendo l'antico Oratorio dell'Agina, che viene ricostruito dal Sacro Ordine di Malta. L'oratorio conservava un pregiatissimo crocifisso dipinto di scuola giottesca, ora presso la Parrocchiale di Misano Mare

 

1827 – Misano, distaccatosi dal Comune di S.Giovanni in Marignano, diventa Comune autonomo,

 

1862 – Con regio decreto n. 1054 il Comune assume la denominazione di “Misano in Villa Vittoria”.

 

1869 – Il 14 maggio viene deliberata la costruzione del palazzo Comunale (spesa prevista Lire 10.000).

 

1896 – Il Cav. Angelo Verni per Lire 96.000 compra una vasta tenuta disabitata, paludosa, incolta e dunosa, fra la statale ed il mare, tra il fiume Conca e le Fontanelle di Riccione. Inizia subito la bonifica agricola dell'area; Negli anni 20 traccia alcune strade di lottizzazione nella zona marina, che chiama Vernibella

 

1928 – Il Cav. Angelo Ceschina di Milano acquista dalla famiglia Verni l'intera fascia costiera dal mare alla ferrovia, la parte a monte fino alla statale viene invece acquistata dal Cav. Giambattista Cerri di Cattolica.

 

1938 – Il regio decreto n. 1135 del 16/06/1938 autorizza in Comune di Misano in Villa Vittoria a modificare la propria denominazione in Misano Adriatico. Il 22 giugno Mussolini arriva a Misano in visita ufficiale. Nella zona mare sono sorte le prime case e sono in attività tre pensioni.

 

1944 – Il 29 Giugno caccia inglesi provocano vittime a Misano Mare. Il primo settembre un bombardamento aereo fa vittime e danni gravi al castello.

 

1948 – Il 18 gennaio il Consiglio Comunale delibera di trasferire la residenza municipale da Misano Monte a Misano Mare. Il 25 Aprile muore l'Avv. Giuseppe Del Bianco lasciando tutte le sue rilevanti proprietà immobiliari ai Comuni di San Clemente e Misano.

 

1951 – Viene istituita la Pro-Loco e Misano Adriatico ha il riconoscimento ufficiale di località turistico-balneare; gli esercizi alberghieri risultano essere 5.

 

1962 – Viene istituita l'Azienda Autonoma di Soggiorno; 48 gli esercizi alberghieri funzionanti.

 

1963 – Il 22 Aprile la società immobiliare “Portoverde” di Tentoni e Spadini ottiene di poter costruire un porto turistico vicino alla foce del fiume Conca

 

1964 – La sera dell'8 giugno un vero e proprio uragano si abbatte sul litorale causando gravissimi danni alle strutture turistiche. In pochi giorni con l'aiuto dei numerosi turisti tedeschi tutto viene ripristinato.

 

1972 –. Il 4 agosto viene collaudato l'autodromo Santamonica.

 

1989 – Misano Adriatico riceve per la prima volta la Bandiera Blu della Fondazione Europea per l'educazione ambientale (FEE). Dal 2000 verrà premiato anche Portoverde come approdo turistico,

 

2010 – Misano Adriatico raggiunge 814.816 presenze turistice. Funzionano 115 strutture ricettive alberghiere