Il Comune Turismo & Eventi
Approfondimenti
Portale Fondazione Turistica Misano Adriatico

Informazioni, luoghi, eventi per la vacanza a Misano Adriatico 

Biblioteca e Cultura

Vai al portale della “Cultura a Misano Adriatico” con tutti i servizi e le iniziative organizzate dalla nostra biblioteca comunale

Progetto partecipativo “MISANO IN COMUNE”

Progetto partecipativo “MISANO IN COMUNE”

SUAP

Sportello Unico per le Attività Produttive: vai al portale con tutte le informazioni per le aziende e le imprese

Sistema Informativo Territoriale
Calcolo IMU e stampa F24

Clicca sull'immagine e collegati alla pagina per calcolare la tua IMU

Imposta Di Soggiorno
Insieme a pesca di emozioni

E' un progetto a favore di giovani finalizzato all'inclusione sociale.

Leggi tutto cliccando sull'immagine

QUESTA MATTINA IL TAGLIO DEL NASTRO DELL’AREA DELL’AREA DELLA FOCE DEL CONCA DOPO LA RIQUALIFIAZIONE AVVENUTA NELL’AMBITO DEL ULTIMO STRALCIO DEL GIZC
Domenica, 09 Aprile 2017

Si è svolta questa mattina nella zona di confine tra i Comuni di Misano Adriatico e Cattolica, la cerimonia di taglio del nastro relativa all’attività di riqualificazione dell’area della foce del fiume Conca.

I lavori, avviati nel giugno scorso, riguardavano oltre alla rinaturalizzazione dell’area ex Malindi anche la sistemazione e l’arredamento del ponte sul Conca divenuta uno splendido balcone sulla foce, la razionalizzazione degli accessi a Portoverde con la definitiva sistemazione della rotatoria in corrispondenza di via Nelson, la creazione dell’approdo per le canoe in entrambe le sponde nella zona fluviale, la nuova segnaletica stradale orizzontale e infine la realizzazione di nuove aree verdi e aiuole.

I lavori di riqualificazione hanno trasformato un’area di semplice passaggio in una di grande respiro, un punto di partenza e arrivo tra il mare e il percorso del Conca che porta alla scoperta dell’entroterra.

Particolare attenzione è stata rivolta al verde e proprio per questo motivo, grazie a Info Alberghi, nell’ambito del progetto Green Booking, sono state piantate 113 piante a carattere cespuglioso. Le piante sono state messe a dimora sulla duna naturale ripristinata alla foce del fiume Conca, sul lato di Cattolica. Tra le specie piantumate, tutte autocnone adatte all’ambiente marino mediterraneo, anche tamerici a comportamento cespuglioso e mirto comune.

 

All'inaugurazione dell’area erano presenti l’Assessore Regionale alla difesa del suolo e alla costa, Paola Gazzolo, i Sindaci dei Comuni di Misano Adriatico Stefano Giannini e Cattolica Mariano Gennari, il presidente della Provincia di Rimini Andrea Gnassi.

Nell’occasione, si è svolta anche una camminata di tre chilometri aperta a tutta la cittadinanza, alla scoperta del percorso del parco naturale del Conca terminato alle 13 quando al Conca Village di Misano, l’ASD “Valle del Conca” ha offerto a tutti gli intervenuti un pranzo a base di piada, sardocini, gamberoni e sangiovese.

 

LE DICHIARAZIONI

 

“Questo progetto è un esempio concreto di lavoro di sistema tra Regione e Amministrazioni Comunali e quando si arriva alla fine di un iter che è stato per certi versi anche difficile e i risultati sono questi, la soddisfazione è ancora maggiore e deve coinvolgere indistintamente tutti gli attori che hanno lavorato per regalarci la visione di oggi – ha detto l’Assessore Regionale Paola Gazzolo -. La riqualificazione della foce del Conca è uno dei 13 progetti avviati dalla Regione e ci troviamo ad un risultato virtuoso dove la costa si promuove attraverso un collegamento con l’entroterra”.

 

“Quando un’Amministrazione Comunale si trova ad inaugurare un’opera si deve avere la consapevolezza di un lavoro che è stato di tanti. Di un sistema – ha spiegato il Presidente della Provincia di Rimini, Andrea Gnassi -. E’ indubbio, si è arrivati lunghi perché la burocrazia l’ha fatta da protagonista e perché a volte succede che istintivamente si guardi solo al proprio territorio. Oggi, grazie invece ad una stretta sinergia tra due Comuni e la Regione, ci troviamo a doverci e volerci confrontare con un sistema più ampio che promuove una destinazione, quella della Romagna che parte dal Rinascimento e arriva al mare grazie anche a questo luogo rinato”.

 

“Sono molto soddisfatto del risultato dei lavori di riqualificazione dell’area della foce del Conca – spiega il Sindaco di Misano, Stefano Giannini -. Abbiamo veramente dimostrato quanto sia importante il lavoro di squadra attraverso una collaborazione molto proficua tra le Amministrazioni Locali di Misano e di Cattolica e la Regione. Il co-finanziamento dell’opera da parte dei tre enti pubblici ci ha dato la possibilità di realizzare un ottimo lavoro con delle importanti economie di scala.

Così, ciò che fino a poco tempo fa era una zona anonima, tra pochissimo diventerà la porta di accesso a Misano e il biglietto da visita di tutto il nostro territorio. Natura e qualità della vita per turisti e residenti, sono i cardini di questo progetto”.

 

"Si tratta di un’opera realizzata grazie alla fattiva collaborazione tra enti e che consegna alle comunità un'area di interesse sociale, turistico e didattico. Un progetto che nel raggiungimento degli obbiettivi ha unito enti, comunità e formazioni politiche differenti - spiega il sindaco di Cattolica Mariano Gennari -. Credo si giusto dare merito anche a persone come Giuseppe Bortone e al cattolichino Cesarino Romani, il cui impegno e passione hanno aiutato il progetto a realizzarsi”.

 

Le Amministrazioni Comunali di Misano e Cattolica, colgono l’occasione per ringraziare la Regione e nello specifico l’Assessore Regionale Paola Gazzoli, Arpae nella persona del suo Direttore Generale Giuseppe Bordone, presente quest’oggi all’inaugurazione, tutte le forze dell’Ordine e i Carabinieri Forestali presenti anch’essi al taglio del nastro e responsabili della tutela del percorso naturalistico del Conca che parte proprio dall’area inaugurata questa mattina. Un ringraziamento particolare a tutti i Sindaci presenti che hanno guidato le precedenti Amministrazioni Comunali di Misano e Cattolica e che hanno partecipato all’iter politico e procedurale dell’opera.